La rosa dei venti
Un viaggio in bicicletta

I PERCORSI TRK DELLE VALLI BORBERA e SPINTI

La mappa digitale

Le zone

La scelta dei percorsi

I Monti

Crinali e paesaggi

Fiumi, Torrenti e Valli

Torna alla Intro Percorsi TRK nelle Quattro Province

 

Qui potrai trovare l'Anello delle Valli Borbera e Spinti (sentiero 200) e il Tour della Valle "Bulbeira"

Qui potrai acquistare la guida - Oltre I Sentieri - Valli Borbera e Spinti

Qui trovi gli itinerari per la MTB

 

I sentieri delle Valli Borbera e Spinti

Terra di incontro delle Quattro Province, racchiusa tra le Valli Borbera, Spinti, Sisola e Vobbia, nel pieno della Comunita’ Montana delle Valli Borbera e Spinti. Il territorio parte dalla piana di Vignole Borbera e Borghetto Borbera ed arriva al crinale della Via del Mare, partendo dal Monte Giarolo al Monte Ebro fino al Monte Chiappo. Terra con tradizioni comuni a forte influenza ligure, dove la storia ha lasciato molte testimonianze di vita antica, che troviamo, nei molti ritrovamenti, quali monete, che indicano il passaggio dei Romani, nei toponimi dei nomi, citando ad esempio Albera dove la radice “alb” significa “centro”, significando che Albera Ligure e’ stato uno dei primi centri di una certa importanza, inoltre l’origine del nome viene dalla cultura dei primi abitanti di questi luoghi, i Liguri. Le testimonianza continuano con i molti castelli, alcuni dei quali ancora oggi in ottimo stato conservativo, che indicano una fiorente stabilizzazione di molte casate nobili, quali i Botta Adorno, i Fieschi, gli Spinola, i Doria, i nomi dei quali si possono trovare nei nomi dei paesi, citando, tra i molti, Cassano Spinola e Borgo Adorno. Tralasciamo tutta la fiorente storia medioevale, per passare a quella che riguarda la seconda guerra mondiale, che ha visto questi luoghi, in assoluta prima linea con la resistenza partigiana; i monumenti che testimoniano eccidi o luoghi di battaglie sono molteplici, al pari di quelli in Oltrepo’ Pavese, due zone diverse ma molto unite fra di loro in questa dura resistenza contro il fascismo e l’avanzata tedesca. La storia delle Valli Spinti, Vobbia e Sisola, mantenendo proprie tradizioni e ricordi, si mescola completamente con la storia della Val Borbera. Vale la pena ricordare, tra tutti, il Castello della Pietra di Vobbia, incastonato tra due torrioni di roccia, tanto da renderlo assolutamente unico. Il territorio comprende una interminabile serie di sentieri che si incrociano tra di loro, tra monti di rara bellezza e rovine di castelli, dando vita ad un vero dedalo di itinerari quasi tutti pedalabili. Qui la mtb può fare la differenza, luoghi raggiungibili facilmente con i mezzi e, sebbene siamo a pochi chilometri dalla autostrada, siamo in un contesto molto selvaggio con repentini cambiamenti di paesaggio. A contrasto con queste vette uniche e straordinarie, troviamo nel fondovalle le “le strette della Val Borbera” una gola lunghissima scavata nella roccia dal fiume Borbera, tanto da renderla una delle zone piu’ suggestive della zona. Le strette si percorrono lungo la provinciale, mentre si possono ammirare dai sentieri che corrono sui crinali paralleli alla gola; un punto molto suggestivo per ammirarle e’ sicuramente dal paesino disabitato di Rivarossa, piu’ precisamente dalla vicina chiesetta, piccolo gioiello di queste zone, raggiungibile attraverso sentieri panoramici. Lassù il crinale della via del Sale e della Via del Mare, dal Monte Ebro al Monte Chiappo,  la perla delle quattro province, oggi minacciate da quello che si dice “il progresso” che detta le condizioni di energie alternative a discapito di un paesaggio unico, che distruggerà sicuramente il paesaggio e lo sfruttamento possibile di un turismo unico e spettacolare che solo questi luoghi sanno dare. Possibili visite, ad altrettanti perle di questi luoghi, si possono trovare nel Castello di Torre Ratti, ai resti del Castello di Sorli, la torre di Grondona, oggi in restauro, che domina la Valle Spinti, ai ruderi del Castello e alla Chiesa di Roccaforte Ligure. Ultima citazione ricerca antiche vie del sale, lo dimostra il fatto che alcuni di questi paesi come  Salata e Salata Mongiardino che ne ricordano quanto qui il passaggio delle carovane cariche di beni di commercio, sia stato fiorente.

 

Percorso Trekking
Dislivello 
Distanza 
Difficoltà 
Tempi
salita
Totale
discesa
CAI
mt.
km
min
TRK 1
530
10,0
E
210
TRK 2
800
10,0
E
240
TRK 3
800
10,0
E
240
TRK 4
1050
12,9
E
270
TRK 5
800
10,0
E
210
TRK 6
880
12,4
E
240
TRK 7
460
3,9
E
90
TRK 8
400
4,3
E
90
TRK 9
600
10,6
E
180
TRK 10
450
7,3
E
150
TRK 11
500
9,5
T
180
TRK 12
600
12,9
E
300
TRK 13
600
12,2
E
300
TRK 14
650
15,2
E
300
TRK 15
950
14,0
E
300
TRK 16
980
17,5
E
300
TRK 17
900
13,2
E
210

 

Nome
clip
TRK 1 I paesi fantasma della Valle dei Campassi 
TRK 2 Paesi della Valle dei Campassi 
TRK 3 Il mulino di Agneto
TRK 4 Paesi e mulini della Valle dei Campassi 
TRK 5 Da Roccaforte ad Avi
TRK 5 Roccaforte Croce degli Alpini
TRK 6 Camere Nuove
TRK 7 Rivarossa
TRK 8 Casissa
TRK 9 Chiapparo 
TRK 10 Grondona, l'anello degli "Abèghi" 
TRK 11 Castello della Pietra, il sentiero dei Castellani
TRK 12 Anello alto delle “12 Fontane”
TRK 13 Anello basso delle "12 fontane"
TRK 14 Da San Fermo al Monte Antola
TRK 15 L'anello di Berga
TRK 16 L'anello di Cosola
TRK 17 L'anello di Carrega Ligure