La rosa dei venti
Un viaggio in bicicletta

Torna alla Intro Grandi Vie

 

Anelli Vie antiche / commerciali Vie Religiose Vie oggi
Alta Via della Valle Staffora La Via della Bocchetta La Via degli Abati Alta Via dei Monti Liguri
Anello della Valle Borbera e Spinti Via di Genova in Val Trebbia o Caminus Januae La Via degli Abati, Pellegrini ed Eremiti in Oltrepò Pavese La via del mare
Anello delle Quattro Province Via di Genova in Valle d'Aveto La Via di San Colombano La via del sale
  Via dell'Olio o Via di Genova in Val Nure La Via Francigena / Romea Sentiero Europeo E7
  Le Vie Patraniche - La Via dei Malaspina La Via di Sigerico variante Valle Staffora Sentiero Europeo E1
  Via del Gifalco Cammino di Sant'Agostino La via Longa 1
  La Via dei Feudi Imperiali, La Via della Salata La Via Micaelica La via Longa 2 - da Bobbio a Velleia
  La Via Julia Augusta - Via Aemilia Scauri La Via Romea via Val Trebbia - Chiavari Grande Escursione Appenninica
  Vie dell'Oltregiogo - La Via Canellona - La Via di Santa Limbania - La Via del Sassello

Alta Via dei Parchi

  Le Vie di Marcarolo    
  La Via Postumia   Sentiero Italia
  La Via di Annibale    
  La Via dei Longobardi - La Via del Barbarossa    
  Altre Vie del Sale    

 

La Via dei Longobardi - La Via del Barbarossa

Il percorso è in aggiornamento, per ora si possono visualizzare le tracce sulla mappa digitale; a presto i dati, video e foto.

 

Notevole, in ambito religioso, fu l'impulso dato da diversi sovrani longobardi (Teodolinda, Liutprando, Desiderio) alla fondazione di monasteri, strumenti al tempo stesso di controllo politico del territorio e di evangelizzazione in senso cattolico di tutta la popolazione del regno. Tra i monasteri fondati in età longobarda, spicca l'abbazia di Bobbio, fondata da San Colombano.

Grande impulso anche per le gli edifici civili e religiosi di Pavia tra i qual: il Palazzo Reale, la chiesa di Sant'Eusebio, la basilica di San Pietro in Ciel d'Oro, la basilica di San Michele Maggiore. Dovendo quindi pensare due itinerari che ricordino questo popolo oltre che al viaggio per recuperare le spoglie di Sant'Agostino, abbiamo pensato ad un itinerario che abbia collegato la città di Pavia con Bobbio sede della Abbazia di San Colombano.

Tra queste vie spicca un viaggio fatto dal Barbarossa da Roma a Pavia. Durante il ritorno una epidemia si abbattè sulla sua cospicua scorta. Non solo. La via seguita era qualla di Montebardone (Passo della Cisa sulla Via Francigena) - la principale e più agevole direttrice per le comunicazioni fra il nord e il centro d'Italia, utilizzata da mercanti e pellegrini - risultava presidiata dalle truppe della Lega dei comuni lombardi, a difesa dei diritti municipali. La situazione sembra precipitare quando Obizzo Malaspina corre in suo aiuto. Gli propose un cammino alternativo, su per i monti dell'Appennino e per le valli traverse del Taro, del Ceno, dell'Aveto, della Val Trebbia ed infine in sulle colline della Val Staffora, dove si trovano i vari castelli tra cui spicca quelli di Oramala. per riparare infine nella fidata Pavia aggirando le insidie nemiche. La via sarebbe stata malagevole, con pochi rifornimenti e nessun agio salvo il fatto di restare sempre in terre proprie, dentro il grande feudo di famiglia.